GRUPPO RENAULT - PIANO AZIONARIATO

IL PIANO DI AZIONARIATO PER I DIPENDENTI DEL GRUPPO RENAULT SI CONFERMA DI SUCCESSO

07 novembre 2023

Per il secondo anno consecutivo il Renault Shareplan porta successi, alimentando l’interesse e la fiducia dei 95.000 dipendenti del Gruppo aventi diritto. Circa il 5,25% del capitale alla fine dell’operazione sarà in mano ai dipendenti, con l’obiettivo di raggiungere il 10% entro il 2030.

Piano Az. GR 950X600

Il Gruppo Renault annuncia il successo della seconda campagna del Piano di azionariato Renaulution Shareplan dedicato ai dipendenti del Gruppo, che ha avuto luogo dal 18 settembre al 2 ottobre 2023. Il Piano comprendeva l’assegnazione di 8 azioni gratuite a tutti i dipendenti aventi diritto in 30 Paesi [1], per un totale di 95.000 dipendenti.

In 23 Paesi, i dipendenti aventi diritto avevano, inoltre, la possibilità di acquistare azioni a condizioni vantaggiose.

Il contributo offerto dal Gruppo Renault nell’ambito dell’operazione [2] rappresenta un totale di circa 861.500 azioni, ossia lo 0,29% del capitale di Renault SA, azioni che saranno assegnate a titolo gratuito ai dipendenti del Gruppo.

Inoltre, oltre 37.800 dipendenti, che rappresentano il 36% dell’organico avente diritto, hanno aderito all’offerta di sottoscrizione proposta nell’ambito del Renaulution Shareplan 2023 che prevedeva un prezzo preferenziale di 26,28 euro. L’investimento totale dei dipendenti ammonta ad oltre 33.379.000 euro, per un importo medio di sottoscrizione per dipendente di 881 euro. Il tutto corrisponde a circa 1.270.100 azioni sottoscritte, ossia lo 0,43% del capitale di Renault SA.

In totale, l’operazione Renaulution Shareplan 2023 consentirà di cedere ai dipendenti del Gruppo circa 2.131.700 azioni, ossia lo 0,72% del capitale di Renault SA, detenute da un Fondo comune di investimento aziendale (FCPE) o, in alcuni Paesi, direttamente su un conto nominativo. 

Alla data di consegna delle azioni connesse all’operazione (prevista per il 22 novembre 2023), i dipendenti deterranno circa il 5,25% del capitale di Renault SA, con l’ambizioso obiettivo di raggiungere il 10% di azionisti entro il 2030. [3]

Luca de Meo, CEO del Gruppo Renault: “La promozione dell’azionariato per i dipendenti rientra a pieno titolo nella trasformazione del Gruppo Renault in un costruttore automobilistico della prossima generazione. Con Renaulution Shareplan #2, compiamo un ulteriore passo avanti. Alla fine di quest’operazione, i dipendenti del Gruppo deterranno circa il 5,25% del capitale dell’azienda. Questo successo dimostra la fiducia che i dipendenti ripongono nelle decisioni strategiche prese negli ultimi 3 anni. Continuiamo a perseguire il nostro obiettivo: raggiungere il 10% di azionisti dipendenti entro il 2030. È uno dei piani di azionariato per i dipendenti più ambiziosi che ci siano, in tutti i settori”.

 

[1] Germania, Argentina, Austria, Belgio, Brasile, Cina, Colombia, Corea del Sud, Croazia, Spagna, Francia, Ungheria, India, Irlanda, Italia, Malta, Marocco, Messico, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Regno Unito, Slovacchia, Slovenia, Svezia, Svizzera, Turchia e Ucraina.

[2] Assegnazione unilaterale di 8 azioni ed assegnazione complementare limitata all’equivalente di 8 azioni in caso di sottoscrizione dell’offerta Renaulution Shareplan 2023.

[3] Con riserva di fluttuazioni dell’azionariato dei dipendenti in essere tra il 30 settembre e il 22 novembre 2023.

 

Fonte: RenaultGroup.com

Richiedi informazioni
I TUOI DATI
Riportare dopo l informativa la specifica, -privacy_iubenda- per attivare la modale

INFORMATIVA AI SENSI DEL REGOLAMENTO UE N. 2016/679 "GDPR"

I dati personali acquisiti saranno utilizzati esclusivamente per rispondere alla richiesta formulata. Gli Interessati possono esercitare i diritti di cui agli artt. 15 - 23 del GDPR. Informativa Privacy.

Letta e compresa l’Informativa Privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di LS Group Roma S.p.A. per finalità di marketing, con modalità elettroniche e/o cartacee, e, in particolare, a mezzo posta ordinaria o email, telefono (es. chiamate automatizzate, SMS, sistemi di messaggistica istantanea), e qualsiasi altro canale informatico (es. siti web, mobile app).